News & Events

28 April 2017

L’agricoltura italiana è pronta per CRISPR?

Questa tecnica innovativa di editing genomico potrebbe potenziare la resistenza alle malattie delle piante, senza però distruggere l'identità legale delle varietà tipiche dell'Italia. la ricerca del settore nel nostro paese ha un ritardo ventennale da colmare. Ne parla LE SCIENZE in un articolo dedicato a questo attualissimo tema.

L’editing genomico sembra fatto apposta per l’agricoltura italiana. Perché è una tecnologia che consente di operare correzioni mirate al DNA delle piante, senza introdurre sequenze estranee e senza distruggere l’identità legale delle nostre varietà tipiche. La tecnica di editing più in voga, CRISPR, potrebbe consentirci, per esempio, di potenziare la resistenza alle malattie delle piante e di evitare, al tempo stesso, i problemi burocratici e di percezione pubblica che hanno ostacolato l’adozione degli OGM.
La posta in gioco è notevole, ma c’è anche un ritardo consistente da colmare. Leggi articolo